Hospice Nicola Falde. Santa Maria Capua Vetere

Hospice Nicola Falde. Santa Maria Capua Vetere
Hospice Nicola Falde. Primo Piano. Nei giardini che nessuno sa

Link e libri utili per informarsi sul tumore

Link per approfondire e iniziare un percorso diverso rispetto alle terapie tradizionali (pagina in continuo aggiornamento). Consultate anche l'elenco di link che compare sul lato destro del sito.


Terapia Di Bella


Simoncini


Valsé Pantellini


Metodo Abramo
In generale, digitare su google Metodo Abramo o BIDA


Formula di René Caisse


Cura a base di Aloe


Altri link utili


Libri e DVD:

Massimo Mazzucco, “Cancro: le cure proibite”, DVD.
http://shop.luogocomune.net/cancro-le-cure-proibite_2093130.html

Chi vuole seguire le terapie convenzionali troverà molto utile i libri:
                                                                     
David Servant Schreiber, Anticancro. Prevenire e combattere i tumori con le nostre difese naturali


                                                                   

                                                                David Servan Schreiber, Guarire

Più in generale, come consiglio, vi raccomandiamo di andare sul sito della macrolibrarsi e digitare sul motore di ricerca interno le parole:
cancro, e
tumore.
Vi compariranno molti libri utili con diete e consigli vari per difendersi dal tumore.
Il sito è a questo link:
http://www.macrolibrarsi.it/


Uno dei più bei libri sul cancro è stato scritto da Tiziano Terzani, Un altro giro di giostra. La cronaca di un giornalista a cui viene diagnosticato il cancro, ma che, come Mariapaola, dopo aver girato per il mondo in cerca di decine di cure, sceglie di morire e di seguire la strada tradizionale. Come confesserà al figlio nel suo libro successivo, “La fine è il mio inizio”, Terzani ha infatti provato tutto nella vita, e visto tutto; in fondo, è molto curioso di morire per vedere cosa c’è dall’altra parte. In fondo, aggiungerei io, era anche stanco, come lo è Mariangela e come spesso lo siamo noi.

4 commenti:

  1. Mi spiace che questo ottimo Blog nasca dal dolore..ma tant'è Auguri
    Andrea Basili
    Pres Fondazione Europea Medicina Antroposofica onlus
    Amb V.Solini Aquila

    RispondiElimina
  2. Ainslie Meares è stato uno psichiatra australiano di fama internazionale. Alla ricerca del segreto con cui uomini cresciuti in civiltà diverse dalla nostra hanno imparato a sopportare il dolore (anziché imbottirsi di morfina e antidolorifici al primo piccolo allarme come abbiamo imparato a fare noi), ha portato dal Sudamerica, dall’India, dal Nepal un semplice segreto di vita, l’ha sperimentato lungamente su se stesso, affrontando a un certo punto, per metterlo alla prova, un’operazione di chirurgia dentaria senza anestesia. Provando a insegnarlo ad alcuni pazienti oncologici, ha avuto la sorpresa di notare una drammatica remissione dei tumori che non era tra gli effetti previsti. Anche se esistono alcuni suoi report clinici, Meares ha soprattutto condiviso la sua visione attraverso brevi poesie, coerentemente col fatto che il nucleo del suo approccio è accedere a uno stato della mente pre-verbale, primitivo usando un linguaggio non logico ma poetico. Più che proporlo ai suoi colleghi accademici si rivolgeva ai pazienti perchè ne facessero uso. I suoi libri sono ampiamente esauriti ma si trovano facilmente su amazon, alibris,abebooks.
    Cosa fa il cancro?
    Ti aiuta a vedere delle cose,
    Cose semplici,
    Che non hai visto prima.
    E in questo c’è una gioia,
    nel vedere queste semplici cose
    Che non avevi visto prima.


    RispondiElimina
  3. Pier Mario Biava, che oggi è primario di Medicina del Lavoro all'Ospedale di Sesto San Giovanni, anni fa, seguendo un'intuizione,cercò di agire sulla moltiplicazione cellulare con un approccio non distruttivo, ma di riconduzione del processo nell'ambito della normale fisiologia. Biava scoprì che esistono sostanze fisiologiche, prodotte durante il processo di differenziamento dell'embrione, in grado di inibire la crescita tumorale. Esse possono agire attivando un sistema di riparazioni cellulari o, in alternativa, favorendo la morte naturale delle cellule che, nel tumore, acuisiscono una specie di eternità. Biava ha descritto la sua ricerca in diversi libri, in particolare "Il cancro e la ricerca del senso perduto", edito da Springer, e, con altri autori, "Complessità e biologia-Il cancro come patologia della comunicazione" edito da Bruno Mondadori. I prodotti messi a punto in questa ricerca sono disponibili. Biava li ha testati su circa duecento pazienti oncologici con cancro al fegato in stadio avanzato. Quando me li ha prescritti, mi ha detto: "Questa è solo una parte del lavoro, l'altra parte sarà lei a farla".

    RispondiElimina