Hospice Nicola Falde. Santa Maria Capua Vetere

Hospice Nicola Falde. Santa Maria Capua Vetere
Hospice Nicola Falde. Primo Piano. Nei giardini che nessuno sa

martedì 20 maggio 2014

Il Ganoderma Lucidum nella cura dei tumori



Di seguito alcuni articoli su un fungo . conosciuto da millenni in cina e giappone - che ha dimostrato di avere effetti antitumorali, oltre ad essere di aiuto per diverse malattie.
In Italiano esistono anche dei siti dedicati solo a questo rimedi, dove potete trovare molte altre informazioni rispetto a quelle, sommarie, proposte da noi. Vi invitiamo inoltre a fare ulteriori ricerche da soli, e consultare fitoterapeuti e medici che utilizzino questo rimedio per approfondire.


http://www.ganodermareishi.it/

Se non lo trovate in erboristeria lo potete ordinare su e bay o altri siti on line.


da: Wikipedia.
Ganoderma lucidum (Curtis) P. Karst., Revue mycol., Toulouse 3(no. 9): 17 (1881).[1], è un fungo parassita oppure saprofita che predilige il legno diquercia o castagno; è conosciuto in Cina per le sue proprietà officinali, in quanto, secondo alcuni, conterrebbe principi attivi in grado di regolare il livello di colesterolo, la glicemia e di agire positivamente sull'aritmia cardiaca.[2]
In Cina è conosciuto col nome di Ling zhi mentre in Giappone con l'appellativo di Reishi.
Il G. lucidum produce un gruppo di triterpeni chiamati acidi ganoderici, che hanno una struttura molecolare simile agli ormoni steroidi.[3] e contiene altri composti presenti spesso nei funghi, qualipolisaccaridi (β-glucano), cumarina[4]mannitolo e alcaloidi.[3]

Medicina

In Cina ed in Giappone viene coltivato sin dall'antichità, essiccato e poi ridotto in polvere; è adoperato per la preparazione di decotti, unguenti, liquori oppure viene semplicemente trasformato in compresse; secondo la tradizione, possiederebbe proprietà officinali[2].
Alcuni studi in vitro hanno evidenziato, preliminarmente, un possibile ruolo anti-infiammatorio e di tipo citotossico oncologico dei triterpeni isolati dallo stesso[5][6] [7]

Etimologia

Dal latino lucidum, lucido, per il suo aspetto lucido, brillante, quasi laccato.

Collegamenti esterni




Fukumi Morishige, un dottore, che lavora nell’Istituto Linus-Pauling per Scienza e Medicina i cui fondatori hanno vinto per due volte il Premio Nobel, ha studiato i benefici del Ganoderma nella cura dei tumori e malattie cancerogene.


“In quanto chirurgo, ho costantemente a che fare con patologie cancerogene. Bisogna riconoscerle tempestivamente. La cosa migliore è la prevenzione: alcuni seguono una dieta sana e bilanciata, ma non esiste una soluzione. Secondo me il miglior mezzo preventivo a tutt’oggi riconosciuto è il Ganoderma.”

-Fukumi Morishige-



Alcuni polisaccaridi del Ganoderma hanno effetti diretti antitumorali che ritardano o inibiscono le metastasi. Non sempre il sistema immunitario è in grado di riconoscere le cellule cancerogene rendendole inoffensive e queste ultime possono evolversi in tumori carcinomatosi. Questo è più forte in pazienti immunodeficienti come quelli di AIDS.

In ambito scientifico sono stati effettuati molteplici test che hanno confermato l’effetto antitumorale del Ganoderma. Per questo l’Associazione Nazionale di Studi su patologie cancerogene USA ed il Reparto Medico Universale Nazionale USA hanno attribuito al Ganoderma poteri curativi.
Il governo giapponese ha riconosciuto il Ganoderma come cura del cancro allo stomaco.
Inoltre il Ganoderma viene impiegato anche come affiancamento non invasivo accanto a terapie invasive come chirurgia, radioterapia e chemioterapia per allievarne gli effetti collaterali.
Casi di prova del Ganoderma sul cancro:
Ecco alcuni casi in cui è stato usato il Ganoderma in pazienti affetti da cancro.
  • Una donna, cinquant’anni, con tumore al seno e metastasi ai polmoni, ha iniziato ad assumere 6grammi di Ganoderma al giorno dopo aver subito un intervento al seno. Dopo sei mesi la respirazione è migliorata ed il proseguimento dell’assunzione di Ganoderma è puramente preventivo.
  • Un’altra donna, cancro al seno e metastasi al midollo osseo, soffriva molto e non poteva dunque muovere la testa. Dopo due mesi di assunzione del Ganoderma (9-12 grammi al giorno) i dolori sono cessati e da allora cammina normalmente.
  • Un uomo, cancro all’intestino con metastasi al fegato, è stato curato per sei mesi con 6 grammi di Ganoderma ed è migliorato.
  • Un giapponese Kazuo Yoshi, cinquantasetta anni, era affetto da un tumore allo stomaco con molteplici metastasi. I medici lo hanno operato ma hanno perso le speranze e per questo motivo gli dissero che soffriva di cistifella mentre ai parenti confessarono la verità. Gli somministrarono il Ganoderma e dopo venti giorni il paziente era migliorato, dopo mesi riprese il lavoro e dopo cinque anni il tumore era sparito del tutto. 
Nonostante queste eccezioni, il Ganoderma non è un rimedio miracoloso e con delle garanzie del 100%. Però per alcuni tumori (seno, prostata, utero, stomaco, intestino, pancreas) è più efficace. Il professor Lin Zhibin , guru del collegio Medico dell’Università della Medicina di Beijing, riferisce gli effetti curativi del Ganoderma anche per il cancro ai polmoni.
da:
http://benessereorientale.blogspot.it/2013/05/ganoderma-alimento-anticancro.html

Nessun commento:

Posta un commento